Consigli di guida sicura in moto: come evitare di diventare invisibile

Consigli di guida moto

Andare in moto è un’avventura mai scontata.

Servono circa 2.500 abilità per guidare una motocicletta, eppure, una volta che ci prendi la mano, ti sembra di averlo fatto da sempre.

Hai mai provato questa sensazione?


Chiaramente nessuno è mai tanto bravo da non sbagliare mai, soprattutto con il traffico odierno.

Dovresti essere consapevole di un'area a 360 gradi e valutare continuamente altri veicoli, altri rischi, rimanendo concentrato al massimo… e tutto questo mantenendo un po’ il gusto di divertirti sulla moto, senza diventare una statistica.

Ma bisogna davvero stare così attenti?

La prima causa degli incidenti stradali

More...

La risposta è sì perché, purtroppo, gli automobilisti sono distratti e, alla guida di auto sempre più grandi e pesanti, convivono malvolentieri con moto e scooter.


Pensa che i dati resi noti dall'ANAS (Azienda Nazionale Autonoma delle Strade) rivelano che la causa principale degli incidenti stradali è la distrazione


Quindi, sono fattori soggettivi quelli che determinano, in primo luogo, sinistri stradali:

  • l’uso del cellulare, 
  • eccessiva stanchezza,
  • mancanza di sonno,
  • stile di vita non regolare,
  • alterazione dei ritmi sonno-veglia,
  • stress (questo corona virus non aiuta di certo a rimanere sereni).

Immagino tu lo sappia già, ma ribadiamolo... 

Per il conducente di automobile medio, il motociclista è spesso "invisibile"


Oltre la metà di tutti gli incidenti in moto coinvolge un automobilista che taglia la strada al motociclista… per poi dire alla polizia: "Non l'ho proprio visto".


Consigli per la sicurezza alla guida della moto

1. Cura il tuo abbigliamento

Per ovviare al problema dell’”invisibilità” in moto puoi indossare un giubbotto protettivo di colore chiaro e anche un casco di colore sgargiante o catarifrangente.


I conducenti di automobile spesso vedono solo ciò che si aspettano di vedere.

E la moto è all’ultimo posto nei loro pensieri previsionali.

Come ulteriore precauzione è un alleato strategico il paraschiena - a guscio, giacca o gilet con airbag. Riduce, infatti, del 40% il rischio di lesioni spinali in caso di impatto con l’asfalto. 


Infine non trascurare le calzature… se proprio non vuoi gli stivali protettivi cerca di evitare le scarpe con suola liscia, che possono farti perdere aderenza o appoggio in caso di imprevisti.

2. Accetta di essere invisibile e agisci di conseguenza

Anche se meriti di essere rispettato e hai dei diritti, non darli mai per scontati. 

Inutile prendersela, purtroppo è una realtà della strada che il motociclista è meglio conosca fin da subito per non avere brutte sorprese.

I bravi motociclisti che sanno prevedere i guai non dimenticano mai che il primo responsabile per mantenerti in piedi sei tu… meglio non fare troppo affidamento sugli altri, quando in ballo c’è la tua pelle. 

Giusto?

3. Usa gli specchietti retrovisori

Sii proattivo: quando guidi dovresti usare non solo gli specchietti, ma anche controllare visivamente prima di cambiare corsia.

Non abbassare mai la guardia e valuta continuamente gli altri veicoli che ti circondano.

Basta poco per finire sbalzato di sella.

Negli ultimi due anni l’Istat registra una diminuzione degli incidenti totali, ma un aumento, seppur minimo, degli incidenti in moto (+1,6%). 

In particolare nel 2020, nel periodo post lock down, cadute le restrizioni, i motociclisti sono finalmente tornati in sella per riassaporare il gusto della libertà, ma hanno fatto impennare il numero degli incidenti su strada

 

La causa? Mancanza di attenzione e di prudenza

Ecco perché un doppio check non fa mai male.

4. Evita di alzare il gomito al bar prima di guidare

Non dovrebbe esserci bisogno di sottolinearlo, ma...

...l'abuso di alcool mentre si guida causa ogni anno tantissimi incidenti mortali. 

Inoltre, è sempre bene ricordare che:

  • Guidare sotto l'influenza dell'alcool e di qualsiasi sostanza o sostanza psicoattiva aumenta il rischio di un incidente che provoca la morte o gravi lesioni.
  • Nel caso di guida in stato di ebbrezza, il rischio di un incidente stradale inizia a bassi livelli di concentrazione di alcol nel sangue (BAC) e aumenta significativamente quando il BAC del conducente è ≥ 0,04 g / dl.

Cosa prevede il codice della strada se il guidatore in stato di ebbrezza provoca un incidente?
Le sanzioni sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per 180 giorni.
Inoltre le ammende aumentano da un terzo alla metà quando l’infrazione è commessa dalle ore 22 alle 7.


Conclusione? Meglio evitare il bicchiere di bevanda alcolica prima di mettersi in sella.

5. Controlla la tua moto prima di uscire

Quanto conosci la tua moto? 

Se è nuova, avrai bisogno di tempo e tanti chilometri per sentirti veramente a tuo agio in sella.

Controlli regolarmente i tuoi pneumatici e le altre componenti della tua moto, come per esempio il kit di trasmissione (catena, corona, pignone)?

Puoi approfondire leggendo: Manutenzione e pulizia della catena della moto: i metodi più diffusi e quelli… “alternativi”


Muovendoti solo su due pneumatici con una superficie di contatto sull’asfalto molto limitata dovrai dedicare molta più attenzione al tuo mezzo, rispetto a quanto fai con un’automobile, per esempio.

Inoltre, le abilità necessarie per guidare in sicurezza una motocicletta non vengono automaticamente ereditate da qualsiasi esperienza automobilistica che potresti avere.


Anzi, per affinare il tuo equilibrio e il tuo occhio è molto più importante una pratica costante con una bici da cross, per esempio, rispetto al fatto di guidare nel traffico con la macchina. 

Guidare una moto è più un'abilità di occhio e mente che non di mani e piedi.


Che la tua bici sia di piccola o grossa cilindrata, come ti comporti se vieni sorpreso dalla pioggia?
 

Leggi qui: Guidare in moto sotto la pioggia e il vento: consigli per evitare brutte sorprese


6. Affina la gestione dei freni

Tutti sanno come dare gas in moto, molti meno possono dirsi esperti nel frenare la moto.

Almeno il 70% delle frenate vengono eseguite con il freno anteriore. 

In condizioni di frenata improvvisa, questa percentuale può superare il 90%

Usare i freni anteriori e posteriori insieme fino al punto di blocco è un'abilità che ogni motociclista deve conoscere.

Non importa quanto tu sia esperto, i migliori piloti di moto si prendono del tempo per praticare le loro abilità secondo necessità, preferibilmente in un'area appartata (per esempio un parcheggio vuoto).

Imparare a curvare e frenare su diversi tipi di pavimentazione distingue il motociclista “della domenica” da quello “pro”, più fluido e a suo agio in sella.



Cambio kit trasmissione moto


Vuoi dei kit di trasmissione moto di qualità garantita, senza correre rischi di consumi precoci con i kit aftermarket assemblati da commerciali?

Scegli i kit PBR per 3 semplici motivi:

  • Primo produttore in Italia specializzato in ingranaggi moto (corone e pignoni): attivo dal 1969
  • 50 anni di test sui prodotti e una lunga serie di mondiali vinti fra Motocross, MotoGP, Superbike (per i campionati Superbike e SuperSport abbiamo realizzato il nuovo kit con passo speciale a 4 e 28; per la moto GP realizziamo corone in titanio)
  • Fornitura ingranaggi di primo montaggio su marchi come KTM, Husqvarna, Aprilia, Piaggio, MV Augusta, Fantic, ecc. 


  • […] Solo con esperienza e formazione specifica si imparano piccoli trucchi che ti aiutano guidare la moto in modo sicuro. […]


  • >