Come funziona una moto: guida per appassionati alle prime armi

By Matteo Landi / Novembre 23, 2021
Come funziona una moto

Se sei un ragazzo giovane che vorrebbe lavorare in officina, ma non ha idea di come funziona una moto e di quali parti è composta…

Oppure se sei un appassionato di moto a livello estetico e vuoi capire qualcosa di più a livello di funzionamento…

In entrambi i casi sei nel posto giusto.

Infatti, in questo articolo prenderemo in esame i punti principali per farti capire come funziona una moto.


Come funziona una moto? Spiegazione generica

Quando il motore della moto è in funzione, l'albero motore all'interno del motore fa girare una piccola ruota dentata, chiamata pignone. 

Quando il pignone gira, mette in movimento un’altra ruota dentata più grande, detta corona e posta nella ruota posteriore, attraverso una catena (in questo articolo parleremo di moto con sistema di trasmissione a catena. Per altri sistemi leggi il post “Catena vs. cinghia vs. cardano: i sistemi di trasmissione finale della moto”). 

La corona fa girare la ruota posteriore, che spinge la moto in avanti.

Ci sono ovviamente molte altre piccole cose che accadono all'interno del motore e della trasmissione. 

Andiamo a vedere più da vicino.

More...

Come funziona il motore di una moto

I motori delle moto funzionano allo stesso modo dei motori delle auto. 

Sono costituiti da pistoni, un blocco cilindri e una testata, che contiene le valvole. 

I pistoni si muovono su e giù nel blocco cilindri, azionati da esplosioni di una miscela aria-carburante che è stata accesa da una scintilla nella candela

Le valvole si aprono e si chiudono per consentire alla miscela aria-carburante di entrare nella camera di combustione. 

Mentre i pistoni si muovono su e giù, fanno girare un albero a gomiti, che trasforma l'energia dai pistoni in movimento rotatorio. 

La forza di rotazione dell'albero motore viene trasmessa, tramite il sistema di trasmissione (catena, pignone, corona), alla ruota posteriore della motocicletta.

I motori delle moto sono generalmente classificati da una delle tre caratteristiche:

  1. il numero di cilindri che possiedono 
  2. la capacità delle loro camere di combustione 
  3. il numero di colpi nei loro cicli di alimentazione.

Cilindri

I motori delle motociclette possono avere da 1 a 6 cilindri

Per anni, il design del bicilindrico a V è stato il motore preferito dagli ingegneri motociclistici in America, Europa e Giappone. 

Il bicilindrico a V prende il nome dal fatto che i due cilindri formano una forma a V. 

Ma il bicilindrico a V è solo un modo per ospitare due cilindri. 

Quando i cilindri sono orientati in modo che i pistoni si oppongano l'uno all'altro, il risultato è un design a due gemelli contrapposti

I motori bicilindrici paralleli hanno i pistoni affiancati in posizione verticale.

Oggi, il design più popolare è il 4 cilindri, che funziona in modo più fluido e con un numero di giri al minuto (giri/min) più elevato rispetto al due cilindri. 

I quattro cilindri possono essere disposti in fila, oppure possono essere disposti in una configurazione a V, con due cilindri su ciascun lato della V.

Capacità

La dimensione della camera di combustione in un motore motociclistico è direttamente correlata alla sua potenza. 

Il limite superiore è di circa 1500 centimetri cubi (cc), mentre il limite inferiore è di circa 50 cc. Questi motori si trovano solitamente sugli scooter o ciclomotori.

Cambio

Il cambio è un insieme di ingranaggi che consentono a un ciclista di passare da un arresto completo a una velocità di crociera. 

Il cambio sulle motociclette va in genere da quattro a sei marce, anche se le moto piccole possono averne anche due. Le marce si innestano spostando una leva, che muove le forcelle del cambio all'interno della trasmissione.

Frizione

Il compito di una frizione è quello di attivare e disattivare la potenza dall'albero a gomiti del motore alla trasmissione

Senza la frizione, l'unico modo per impedire alle ruote di girare sarebbe spegnere il motore, una soluzione poco pratica in qualsiasi tipo di veicolo a motore. 

La frizione è una serie di dischi caricati a molla che, una volta premuti, collegano la trasmissione all'albero motore. 

Quando un pilota vuole cambiare marcia, usa la frizione per scollegare la trasmissione dall'albero motore. Una volta selezionata la nuova marcia, usa la frizione per ristabilire la connessione.

Le prime frizioni per moto erano azionate da un pedale, un po’ come succede nelle auto. Questa modalità però era molto pericolosa perché richiedeva che il piede sinistro del ciclista fosse sollevato da terra quando la bicicletta doveva arrestarsi (a un incrocio, per esempio).

I designer britannici hanno risolto questo problema con una frizione a mano.

Oggi, le frizioni manuali e le leve del cambio a pedale sono standard su tutti i modelli.

Telaio della moto

Il telaio della moto è composto da telaio, sospensioni, ruote e freni. 

Vediamo brevemente di seguito ciascuno di questi componenti.

Telaio

Le motociclette generalmente hanno un telaio in acciaio o in alluminio

Il telaio è costituito principalmente da tubi cavi e funge da scheletro su cui sono montati componenti come il cambio e il motore. 

Il telaio mantiene anche le ruote in linea per una migliore maneggevolezza della moto.

Sospensioni

Il telaio funge anche da supporto per il sistema di sospensione, un insieme di molle e ammortizzatori che aiuta a mantenere le ruote a contatto con la strada e ammortizza il pilota da urti e sobbalzi. 

Una forma a forcella è la soluzione più comune per la sospensione posteriore. 

Da un lato, il forcellone sostiene l'asse della ruota posteriore

Dall'altra parte, si fissa al telaio tramite il perno. 

Un ammortizzatore si estende verso l'alto dal bullone del perno del forcellone e si attacca alla parte superiore del telaio, appena sotto il sedile. 

La ruota anteriore e il perno sono montati su una forcella telescopica con ammortizzatori interni e molle interne o esterne.

Ruote

Le ruote per moto sono generalmente costituite da cerchi in alluminio o acciaio con raggi, anche se alcuni modelli introdotti a partire dagli anni '70 offrono ruote in fusione. 

Le ruote in fusione consentono alle moto di utilizzare pneumatici tubeless, che a differenza dei pneumatici tradizionali, non hanno una camera d'aria per contenere l'aria compressa. Invece, l'aria viene trattenuta tra il cerchione e il pneumatico, basandosi su una guarnizione che si forma tra cerchio e pneumatico per mantenere la pressione dell'aria interna.

Gli pneumatici senza camera d'aria hanno meno probabilità di esplodere rispetto a uno pneumatico con camera d'aria, ma su strade sconnesse possono essere un problema perché anche una piccola curva del cerchione può causare uno sgonfiaggio. 

I pneumatici sono disponibili in una varietà di design per soddisfare le esigenze del terreno e delle condizioni di guida. 

Gli pneumatici per moto da cross, ad esempio, hanno battistrada profondi e tassellati per la massima aderenza su sporco o ghiaia. 

Gli pneumatici per moto da turismo, realizzati in gomma più dura, di solito forniscono meno grip ma durano più a lungo. 

I pneumatici delle moto sportive e da corsa (generalmente radiali con cintura d'acciaio) offrono una forza di presa sorprendente, soprattutto considerando la piccola area a contatto con il manto stradale.

Freni

Le ruote anteriori e posteriori di una motocicletta hanno ciascuna un freno. 

Il pilota aziona il freno anteriore con una leva a mano sull'impugnatura destra, mentre il freno posteriore con il pedale destro

I freni a tamburo erano comuni fino agli anni '70, ma oggi la maggior parte delle motociclette si affida alle prestazioni superiori dei freni a disco

I freni a disco sono costituiti da un disco frenante in acciaio, che è collegato alla ruota e inserito tra le pastiglie dei freni. 

Quando il ciclista aziona uno dei freni, la pressione idraulica, agendo attraverso la linea del freno, fa schiacciare le pastiglie dei freni contro il disco su entrambi i lati. 

L'attrito provoca il rallentamento o l'arresto del disco e della ruota collegata. 

Le pastiglie dei freni devono essere sostituite periodicamente perché le superfici delle pastiglie si consumano dopo un uso ripetuto.

Per approfondire l’uso dei freni in moto ti consiglio “Come frenare in moto: anche tu fai questi errori?”.

Tipologie di moto

Le moto in commercio hanno molti stili diversi, ognuno dei quali offre caratteristiche di design e prestazioni pensati per condizioni di guida specifiche.

Se vuoi approfondire le categorie più comuni di moto in circolazione leggi qui: “Come scegliere la prima moto: 5 cose che vorrei aver saputo”.

Come guidare una moto

Guidare una moto è cosa molto diversa da guidare un'auto. 

Insomma, parliamo di veicoli a due ruote, che si ribaltano quando smettono di muoversi. 

Ma non solo.

Devi sapere che una moto in movimento è soggetta a forze giroscopiche tipiche dei veicoli a due ruote. 

Per questo motivo sono richieste patenti specifiche per guidare le moto

In particolare, i motociclisti devono padroneggiare l'arte di sterzare, frenare e cambiare marcia.

Sei alle prime esperienze e vuoi qualche dritta su come guidare la moto?

Leggi qui: “Come imparare a guidare la moto: 10 consigli pratici per chi inizia”.


Vuoi dei kit di trasmissione moto di qualità garantita, senza correre rischi di consumi precoci con i kit aftermarket assemblati da commerciali?

Scegli i kit PBR per 3 semplici motivi:

  • Primo produttore in Italia specializzato in ingranaggi moto (corone e pignoni): attivo dal 1969
  • 50 anni di test sui prodotti e una lunga serie di mondiali vinti fra Motocross, MotoGP, Superbike (per i campionati Superbike e SuperSport abbiamo realizzato il nuovo kit con passo speciale 428; per la moto GP realizziamo corone in titanio)
  • Fornitura ingranaggi di primo equipaggiamento su marchi come KTM, Husqvarna, Aprilia, Piaggio, MV Augusta, Fantic, ecc. 

>